top of page
Cerca
  • valeriabarbi7

La tragedia dei Grandi Laghi


Huron, Ontario, Michigan, Erie e Superior: i Grandi Laghi nordamericani si estendono per 151.278 Km2. Una distesa d’acqua di cui non si vede l’orizzonte e che per la loro vastità vengono conosciuti come “mari d’acqua dolce”. La loro importanza emerge chiaramente se si dà uno sguardo rapido ai dati: il 97% dell’acqua del Pianeta è salata. Di circa il 3% di acqua dolce presente sulla Terra, la maggior parte è intrappolata nelle calotte artiche o sottoterra e, per questo, è inaccessibile.


Di quel che rimane, il 20% si trova nei Grandi Laghi e fornisce acqua potabile a circa 48 milioni di persone. Eppure, questa risorsa fondamentale è contaminata da una tossina prodotta da una massiccia fioritura algale causata da nitrogeno e fosforo provenienti da fognature, scarichi industriali e residui agricoli che vengono rilasciati nelle loro acque cristalline. A peggiorare la situazione, i cambiamenti climatici: precipitazioni sempre più frequenti e forti saturano le reti fognarie aumentando la quantità di acqua contaminata scaricata nei Grandi Laghi, e temperature dell’acqua sempre maggiori, aumentano la fioritura algale tossica.


Tutto questo lo scopriamo mentre, in Italia, il cuneo salino del Po è risalito di 40 km a causa dell’estrema siccità. I giornali titolano “Il Grande Fiume non c’è più”. Mi chiedo se sarà la stessa cosa che scriveranno, tra qualche decennio, di quell’oceano d’acqua dolce che sono i Grandi Laghi e che, oggi, sono devastati dall’inquinamento e dall’invasione di specie aliene introdotte dalle grandi navi.





Per saperne di più, vi consigliamo di leggere The Death and Life of the Great Lakes, by Dan Egan.



Comments


bottom of page